SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A: ITALIA 59,90€/EUROPA 160€

Perché in estate si dorme di meno?

Quando arriva il caldo molte persone hanno difficoltà a dormire, tanto che si parla di una vera e propria “insonnia d’estate”, ma perché in estate si dorme di meno? 
Scoprilo con noi, insieme ad alcuni pratici consigli per favorire il sonno anche con le alte temperature!
Le principali cause per cui d’estate si dorme di meno sono legate ai ritmi circadiani e alle elevate temperature. 
I ritmi circadiani sono il nostro orologio interno, che regola il ciclo naturale delle attività da svolgere di giorno e notte, come il meccanismo sonno e veglia, che è influenzato dalla melatonina.
La melatonina è un ormone che viene prodotto dal nostro organismo in assenza di luce, in pratica la sua concentrazione aumenta quando arriva la sera, accompagnandoci verso il sonno, e diminuisce con la luce, aiutandoci a rimanere svegli.
Dato che d’estate le giornate si allungano e c’è più luce, quando arriva l’orario di andarsi a coricare il nostro organismo potrebbe non aver ancora prodotto sufficiente melatonina per facilitare il sonno. 
Per quanto riguarda le temperature, invece, il caldo non aiuta il sonno. Studi scientifici hanno evidenziato che la temperatura ideale per dormire dovrebbe aggirarsi tra i 15° e i 19°, lievemente più alta per i più freddolosi ma, d’estate, è difficile mantenere una simile temperatura nella stanza e ottenerla con il condizionatore è sconsigliato.
Per dormire bene d’estate bisogna cercare di mantenere il corpo fresco e idratato, facendo una doccia fresca o tiepida prima di coricarsi e indossando un pigiama o una camicia da notte di cotone leggero, così da trattenere il sudore e far respirare la pelle.
Per riuscire a dormire bene nonostante il caldo è anche importante mantenersi idratanti, bevendo tanta acqua (almeno due litri di acqua al giorno) e seguendo un’alimentazione sana e bilanciata, ricca di frutta e verdura, meglio se fresche e di stagione. Si consiglia, invece, di evitare cibi che surriscaldano il corpo, come i piatti troppo elaborati, gli alimenti piccanti o le bevande zuccherate.
Infine, l’ultimo consiglio per favorire un sonno ristoratore anche con il caldo si consiglia di scollegare gli apparecchi elettronici in camera da letto, perché producono calore, e non adoperare smartphone, computer e TV già da un’ora prima di coricarsi, perché la luce di questi dispositivi influenza la melatonina. 
E tu riesci a dormire bene d’estate? Raccontaci i tuoi trucchi contro l’insonnia d’estate!
 

Commenti

Lascia un commento