SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A: ITALIA 100€/EUROPA 160€

Cos'è il reflusso gastroesofageo

Ti capita spesso di soffrire di acidità, rigurgiti e bruciore al petto?

Probabilmente si tratta di reflusso gastroesofageo, una delle patologie più comuni dell’apparato digerente che si manifesta, generalmente, dopo i pasti e durante la notte.

Scopriamo insieme da cosa dipende e come alleviarne i sintomi.

Colpisce circa il 10-20% della popolazione, il reflusso gastroesofageo è la risalita involontariae anomala dei succhi gastrici contenuti nello stomaco, lungo l’esofago (talvolta fino alla gola), che genera sintomi molto fastidiosi.

In poche parole, possiamo definire questo disturbo come un problema idraulico, dovuto al cattivo funzionamento del Cardias, la valvola collocata tra stomaco ed esofago, che dovrebbe impedire il movimento retrogrado del contenuto gastrico, oppure al ristagno prolungato del cibo ingerito, all’interno dello stomaco.

Anche abitudini alimentari scorrette, stile di vita poco sano e obesità sono alla base del reflusso, così come il fattore stress, che gioca un ruolo importante, poiché spesso va ad amplificare la percezione dei sintomi.

Tra i più frequenti:

  • Bruciore di stomaco
  • Rigurgiti acidi
  • Eruttazioni frequenti
  • Gonfiore addominale
  • Sensazione di nausea e vomito
  • Più rari, diarrea e febbre

La sintomatologia del reflusso, varia in relazione alla risalita del succo gastrico; se infatti si verifica durante il riposo notturno, può arrivare fino alle prime vie aeree, determinando un’infiammazione della laringe e delle corde vocali, che si traduce in:

  • Tosse stizzosa
  • Catarro in gola
  • Abbassamenti di voce
  • Nei casi più gravi, afonia.

Sebbene piccoli reflussi occasionali siano considerati fisiologici, episodi ricorrenti in termini di frequenza e durata, possono indicare una vera e propria patologia che, se trascurata, potrebbe compromettere la mucosa che riveste le pareti dello stomaco.

Come curare e prevenire il reflusso gastroesofageo?

La maggioranza dei pazienti risponde bene ad una terapia dietetica specifica, così come alla modifica di alcune cattive abitudini (come smettere di fumare) e nei casi cronici, al trattamento farmacologico prescritto dal medico.

Ecco alcuni consigli per tenere a bada questo sgradevole disturbo:

  1. Evita gli alimenti che favoriscono l’acidità:
  • Agrumi
  • Cibi troppo grassi
  • Pomodori
  • Cioccolata
  • Pietanze piccanti o speziate
  • Cipolle
  • Alcolici e superalcolici
  • Caffè e thè
  • Bibite gassate
  • Fritture
  • Latte

  1. Riduci la quantità di cibo, durante i pasti.

Non abbuffarsi ne eccedere con le porzioni. Preferire pasti piccoli e frequenti: 3 principali e 2 spuntini.

  1. Non andare a letto subito dopo mangiato.

Distendersi a stomaco pieno, sia durante la notte sia per un riposino pomeridiano, favorisce la comparsa di reflusso. Aspettare quindi almeno due ore prima di andare a dormire.

  1. Solleva la testa

Dormire posizionando dei cuscini sotto la testa, di modo di tenerla leggermente sollevata rispetto allo stomaco. Grazie a questa piccola accortezza, si riduce significativamente la possibilità di manifestare disagi.

  1. Controlla il peso corporeo

Oltre che per ragioni estetiche, è sempre un bene mantenere il peso forma.

Il sovrappeso, infatti, in particolare l’accumulo di adipe nella zona addominale, esercita una maggiore pressione sullo stomaco e di conseguenza fa aprire lo sfintere esofageo.

  1. Prova i rimedi naturali:

In caso di episodi frequentidi acidità e bruciore di stomaco, aiutati con:

  • Bicarbonato di sodio: diluirne un cucchiaino in un bicchiere grande d’acqua, al bisogno, per regolare il pH dello stomaco ed alleviare il reflusso.
  • Liquirizia:ottima in infuso o in bastoncini da mordicchiare, come difesa delle pareti dello stomaco, poiché crea sulle mucose una pellicola protettiva.
  • Zenzero: le sue radici sono un gastroprotettore molto efficace. Da sorseggiare prima dei pasti, mettendone in infusione 1 cucchiaino in una tazza di acqua bollente.

Hai dubbi o altre curiosità sul reflusso gastroesofageo? Contattaci… lo staff della Farmacia del Vomero è a tua disposizione!

Commenti

Lascia un commento