SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A: ITALIA 59,90€/EUROPA 160€

Cardiopatia: è possibile assumere farmaci da banco?

Chi soffre di cardiopatia deve essere consapevole che, per stare bene, non è sufficiente che segua la cura prescrittagli dal medico ma deve fare anche molta attenzione agli altri farmaci che assume.


Per una persona che soffre di una patologia cardiaca, infatti, prendere un antidolorifico in caso di mal di testa o un antiacido per un bruciore di stomaco come fanno tutti può essere molto pericoloso.

L’AHA, American Heart Association, ha recentemente ricordato sul proprio sito come i farmaci da banco, e specialmente gli antinfiammatori non steroidei (come acetilsalicilico o l’ibuprofene), siano fortemente sconsigliati per le persone con pressione alta e a rischio cardiovascolare dato che triplicherebbero le probabilità di avere un infarto.


Anche i decongestionanti orali e nasali a base di pseudo efedrina devono essere evitati perché causano un restringimento dei vasi sanguigni che, se si ha la pressione alta o un problema al cuore, può peggiorare la condizione.


In caso di necessità, le linee guida pubblicate nel 2017 dall‘American Heart Association e dall‘American College of Cardiology, consigliano di sostituire gli antinfiammatori con il paracetamolo e i decongestionanti con la soluzione salina o con gli antistaminici.  


Non bisogna, poi, dimenticare le possibili interazioni tra i medicinali che si stanno assumendo per le patologie cardiocircolatorie e i farmaci da banco. Ad esempio, anche un’apparente innocua magnesia per il mal di stomaco presa insieme ad un betabloccante può procurare crisi ipertensive mentre l’assunzione di purganti, accelerando il transito intestinale, può impedire il corretto assorbimento dei farmaci. 


Anche alcol e fumo dovrebbero essere completamente eliminati da chi soffre di cardiopatia, perché influiscono negativamente sugli antiaritmici.


Per tutte queste motivazioni, sia chi soffre di patologie cardiache conclamate ma anche per tutti gli altri è fondamentale che l’assunzione di un farmaco avvenga secondo prescrizione medica, anche quella di farmaci da banco, ritenuti relativamente innocui ma che hanno ugualmente innumerevoli controindicazioni.


Per maggiori informazioni su questo argomento, contattaci o vienici a trovare in sede… lo staff della Farmacia del Vomero ti aspetta!
 

Commenti

Lascia un commento